Incontinenza o prolasso

Molte donne (circa un quarto della popolazione) soffrono di disfunzioni al pavimento pelvico.  Spesso per imbarazzo non ne parlano con il proprio medico fino a quando il problema diventa insostenibile. Tuttavia una prevenzione e la riabilitazione immediata possono aiutare a risolvere questi problemi. Nel 90% dei casi infatti si può intervenire attraverso una correzione dello stile di vita e specifici esercizi per il pavimento pelvico. Una reale indicazione chirurgica è necessaria solo nel 10% circa dei casi.

Le disfunzioni si manifestano con sintomi come incontinenza urinaria, stitichezza, o segni di prolasso d’organo.

Cause

Alcuni tra i fattori predisponenti possono essere:

  • i parti naturali
  • traumi
  • gli interventi chirurgici
  • l’obesità
  • la tosse cronica
  • alcune patologie neurologiche e disturbi cognitivi

Prolasso d’organo

Il prolasso è la discesa o la fuoriuscita verso il basso di uno degli organi che sono presenti nell’area pelvi-perineale, in particolare di utero, retto e vescica. 

La prima causa di questo disturbo è l’indebolimento dei muscoli. Questo può essere causato da:

  • età
  • gravidanze e parti
  • obesità o da eccessiva magrezza
  • cambiamenti repentini di peso
  • sforzi intensi e ripetuti della muscolatura
  • malattie che indeboliscono i tessuti connettivali
pavimento pelvico in salute

Pavimento pelvico in salute

In una condizione di normalità, durante uno sforzo, i muscoli addominali e pelvici gestiscono le pressioni interne contenendo gli organi verso l'interno e sostenendoli dal basso. Il pavimento pelvico agisce come un ammortizzatore. 

Pavimento pelvico indebolito

In caso di ipotonia, durante uno sforzo gli organi non vengono contenuti e sostenuti e spingono verso l’esterno e verso il basso. 

Nel tempo, a causa della mancanza di tono e resistenza dei muscoli addominali e pelvici, le continue pressioni provocheranno un addome prominente, discesa degli organi pelvici (prolasso) e incontinenza urinaria.

Sintomi 

I sintomi sono diversi e spesso si presentano insieme

  • sensazione di un ingombro in vagina o di un peso a livello del perineo
  • dolore durante i rapporti sessuali 
  • difficoltà a urinare o a evacuare
  • cistiti ricorrenti
  • emorroidi
  • incontinenza di gas o feci
  • incontinenza urinaria da sforzo

Il tono muscolare pelvico può essere ripristinato tramite appropriati esercizi per il pavimento pelvico.

Incontinenza urinaria

Le cause dell’incontinenza urinaria possono essere molteplici. Nelle donne, ad esempio, i cambiamenti fisici derivanti dalla gravidanza, dal parto e dalla menopausa o l’intervento di rimozione dell’utero (isterectomia) possono provocare la disfunzione. Una causa frequente è anche la cistite.

L’incontinenza urinaria si può manifestare in diverse forme:

  • Stress: causata da un colpo di tosse, uno starnuto, un improvviso scoppio di riso, uno sforzo
  • Urgenza: improvvisa esigenza di urinare con una contrazione imprevista e incontrollabile della vescica che rende impossibile trattenere lo stimolo
  • Rigurgito: si caratterizza per il riempimento eccessivo della vescica dovuto alla difficoltà a svuotarla completamente durante la minzione

Riabilitazione del pavimento pelvico

ll perineo è una parte fondamentale del nostro corpo. La sua debilitazione può portare conseguenze non solo sul piano fisico, causando dolore, ma anche sul piano emotivo e sociale, creando disagio e condizionando la vita quotidiana.

E’ quindi importante mantenerlo in salute per prevenire e contrastare patologie.

La riabilitazione è consigliata in tutti questi casi:

  • prima e dopo il parto
  • in menopausa
  • prolasso uterino, vescicale, rettale
  • incontinenza urinaria
  • intervento chirurgico
  • dolore pelvico

Esercizi per il pavimento pelvico

Gli esercizi per il pavimento pelvico sono utili per trattare i casi meno gravi ma anche a supporto di una eventuale terapia chirurgica.   

Gli esercizi appropriati sono quelli che tonificano:

  • la fascia addominale, responsabile della gestione della pressione interna
  • il pavimento pelvico responsabile della funzione di ammortizzazione
  • il diaframma toracico che lavora in stretta connessione con il diaframma pelvico

Quelli che rispondono meglio a questi requisiti sono gli esercizi ipopressivi. Questi infatti non aumentano la pressione interna e stimolano in modo riflesso la muscolatura ripristinando il naturale funzionamento.